AREA 6 – Sviluppo, comunicazione e promozione del volontariato

La C.R.I. riconosce il valore strategico della comunicazione, che permette di catalizzare l’attenzione pubblica sui bisogni delle persone vulnerabili, favorisce la riduzione delle cause della vulnerabilità, ne previene quelle future, e mobilita maggiori risorse per un’azione efficace. Le attività che la C.R.I. svolge quotidianamente rappresentano un terreno sicuro per azioni costanti di diplomazia umanitaria volte a mantenere al centro dell’attenzione i bisogni umanitari delle persone che non hanno voce. La costruzione di una Società Nazionale forte passa attraverso la capacità di prevenire ed affrontare in modo efficace le vulnerabilità delle comunità, nonché di garantire una crescita sostenibile, volta a garantire livelli sempre più elevati di efficacia, efficienza e integrità delle attività operative e dei processi di gestione, trasparenza e fiducia nei confronti dei beneficiari e di chi sostiene le attività, nonché il rafforzamento e lo sviluppo della rete di Volontari.

Costituiscono obiettivi specifici di quest’area:

  1. Aumentare la capacità sostenibile della R.I. a livello locale e nazionale, di prevenire ed affrontare in modo efficace le vulnerabilità delle comunità;
  2. Rafforzare la cultura del servizio volontario e della partecipazione attiva;
  3. Assicurare una cultura di responsabilità trasparente nei confronti dei partner, delle Istituzioni e dei soggetti del terzo settore;
  4. Mantenere i regolamenti ed i piani d’azione in linea con le raccomandazioni e decisioni internazionali;
  5. Adattare ogni azione all’evoluzione dei bisogni delle persone vulnerabili.

Le attività a livello locale

  • Lo sviluppo organizzativo dell’associazione
  • Rendere più efficaci e più efficienti le comunicazioni sia interne, rivolte ai soci della Croce Rossa, che esterne.
  • Promuovere il volontariato attraverso campagne mirate per il reclutamento di nuovi, nonché la fidelizzazione dei soci attivi di Croce Rossa
  • Lo sviluppo dei partenariati strategici
  • La pianificazione e la progettazione dei servizi e la gestione delle risorse umane;
  • Promuovere la trasparenza nelle scelte strategiche dell’Associazione sia tra i soci che verso l’esterno
  • Promuovere ed implementare l’attività di fundraising
  • Monitorare le attività e i progetti in corso di implementazione, e, quindi, valutarne l’impatto.

Gli obiettivi 2014 del Comitato Locale di Fauglia

  1. Organizzazione segreteria soci: con lo scioglimento delle componenti volontaristiche civili  della Croce Rossa, sono andate a decadere anche tutte le procedure e ruoli inerenti alla gestione del personale volontario. Prioritario quest’anno è riuscire a strutturare una nuova organizzazione denominata “segreteria soci” per la gestione di tutte le questioni legate alle risorse umane a livello provinciale e di sede. L’obiettivo è di riuscire a organizzare un servizio che porti in questo anno di transizione il meno disagio possibile ai soci e che ne snellisca le procedure rispetto al passato.
  2. Progetto soci ordinari. L’attività di fund raising, ossia raccolta fondi, è un’attività fondamentale per le associazione che promuovono iniziative a scopo sociale. Anche la Croce Rossa ha la necessità, di rafforzare le attività di raccolta fondi per catalizzare l’attenzione sui bisogni delle persone vulnerabili. Nel Comune di Fauglia il primo progetto che può essere implementato è la “Campagna soci ordinari”, ossia soci che aderendo ai 7 Principi Fondamentali della Croce Rossa e alle idee del Movimento Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, ne sostengono le attività con un aiuto economico. Nella seconda metà del 2014 si getteranno le basi per un progetto di promozione dei soci ordinari per entrare poi  a regime nel 2015. Obiettivo è avere comunque a fine 2014 circa 300 soci ordinari.

I commenti sono chiusi